Blog

LAVORO FUTURO: 3 passi fondamentali

2020-2030: il lavoro nel prossimo decennio

Introduzione

In questo articolo parliamo di lavoro futuro. In particolar modo vorrei fare una previsione del decennio che abbiamo davanti ovvero 2020-2030 e capire insieme come poter navigare al meglio questo decennio che ci aspetta ed è già iniziato. È iniziato in modo abbastanza intenso e trasformativo. In questo articolo vorrei condividere 3 punti principali, quindi ti consiglio di leggere fino alla fine.

Puoi anche guardare il mio video “Lavoro futuro 2020-2030”

Inizierei con una piccola premessa

È evidente che abbiamo davanti a noi un decennio di grandissima trasformazione, cambieranno davvero tante cose, soprattutto a livello lavorativo. In realtà stanno già cambiando, basta vedere quello che sta accadendo in questi giorni e a mio avviso anche nei mesi e negli anni successivi ancora di più. E spesso quando ci sono questi cambiamenti così radicali c’è sempre una parte di distruzione. Ciò che è vecchio viene distrutto, perché in qualche modo deve morire. C’è una grandissima fetta di mercato, una grandissima fetta di lavori che andranno letteralmente a scomparire, o comunque a indebolirsi sempre di più e questo porterà tantissima sofferenza. Tante persone rimarranno senza una stabilità economica, senza un contratto di lavoro garantito.

La distruzione è sempre dolorosa, non è mai piacevole, però alla natura poco importa. Qualcosa deve andare, a prescindere che sia doloroso oppure no. Ma allo stesso tempo ciò che convive con la distruzione nei momenti di cambiamento e di trasformazione come questo è un’opportunità. È una rinascita, perché mentre sta morendo il vecchio, sta emergendo il nuovo e quindi nei mesi e negli anni a venire saremo circondati da opportunità, da nuovi modi di lavorare e nuovi modi di fare business. Scopriremo nuovi modi di offrire valore al mondo e alle altre persone.

Ci saranno persone che riusciranno a vedere questa opportunità e si adatteranno a questo cambiamento, riusciranno a navigare nel migliore dei modi e avranno un decennio davanti a loro straordinario, di grandissima crescita e di grandissima espansione. Con questa prospettiva ci tengo ad iniziare a parlare di questi 3 punti, così da capire come possiamo gestire al meglio questo decennio.

Ti consiglio anche di leggere il mio articolo su “5 investimenti per i prossimi 5 anni“, nel quale parlo di investimenti finanziari e personali per sfruttare al meglio gli anni a venire.

  • 1) CAMBIA LA TUA PERCEZIONE DEL LAVORO

Il primo punto a mio avviso è che dobbiamo cambiare il prima possibile la percezione che abbiamo del lavoro. Per tutti questi anni della nostra storia abbiamo visto il lavoro come qualcosa di faticoso, di difficile, ma soprattutto come uno strumento per ottenere soldi in cambio. Abbiamo sempre visto il lavoro come un mezzo per ricevere qualcosa, sempre in maniera egoistica. Il nostro concetto è sempre “Offro 8 ore del mio tempo a questa fabbrica, o questa azienda. 8 ore, 10 ore o 12 ore per ricevere qualcosa in cambio.”

Offriamo il nostro tempo per ricevere uno stipendio, per ricevere una stabilità economica. Per poterci comprare una casa, una macchina, mettere su famiglia, andare in vacanza, comprare il telefono nuovo, eccetera. E siamo disposti anche a sacrificare la nostra vita e a sacrificare le nostre passioni. Anche se un lavoro non ci piace particolarmente, lo facciamo comunque, per avere un ritorno economico.

Questa è stata la mentalità fino ad oggi.

Ma in questo decennio la mentalità deve cambiare radicalmente, proprio da un estremo all’altro. Inizia a vedere il lavoro, soprattutto il tuo lavoro futuro, come un qualcosa in cui TU DAI. Qualcosa che offri e metti al servizio degli altri, anziché pensare “Cosa posso ottenere? Cosa posso ricevere?

Pensa a chiederti “Che cosa posso offrire al mondo? – Che servizio posso offrire ad altri esseri umani come me? – Che cosa posso offrire all’economia, al mercato, a tutto quello che è la realtà e il mondo esterno? – Come posso aiutare altre persone? – Come posso portare le mie qualità, le mie esperienze, le mie passioni, ciò che ho da offrire al mondo?

Perché se iniziamo a capire un po’ come funzionano le leggi universali, capiamo molto velocemente che quando cerchiamo di ottenere e di ricevere in modo egoistico, chiudiamo completamente la nostra energia. Andiamo contro le leggi universali, che al contrario, vogliono che diamo, che ci apriamo, che espandiamo la nostra essenza, la nostra energia al nostro cuore e offriamo valore. Secondo le leggi universali se aiutiamo gli altri, facciamo fluire questa energia esternamente e in più, tutto questo ci tornerà indietro. Più ci concentriamo nell’offrire valore al mondo, ad altre persone e a servire altre persone e più ci tornerà indietro abbondanza, ricchezza, stabilità economica, gioia e soddisfazione.

È semplicemente una legge universale. Che però abbiamo ignorato per troppi anni e secondo me questo è il momento di iniziare a concentrarci su questo. Iniziare a pensare a “che cosa posso dare?” e non più a “che cosa posso ricevere?”. E qui ci colleghiamo al secondo punto, molto importante.

  • 2) DIVENTA LA TUA PIÙ’ GRANDE RISORSA

Tanti ragazzi mi dicono “Gabri, okay ha senso, ma io non so che cos’ho da dare al mondo, non so che cosa posso offrire.” Ed è normale. Soprattutto quando siamo giovani dobbiamo fare chiarezza su ciò che possiamo dare, sul contributo che possiamo offrire al mondo, ancora non ci conosciamo. Però ci tengo a fare una piccola precisazione che è molto importante per il lavoro futuro: nel decennio che ci aspetta, 2020-2030, secondo me dobbiamo diventare la nostra più grande risorsa.

Fino ad oggi, in tutti questi anni abbiamo dato il nostro potere esternamente, abbiamo dato il nostro potere al nostro capo, alla nostra azienda, alla nostra fabbrica o al datore di lavoro. Ci siamo sempre presentati dicendo “Ecco qua, questo è il mio potere, queste sono le mie capacità, le mie conoscenze ed ecco le mie 8 o 10 ore di lavoro. Fanne quello che vuoi e in cambio dammi una stabilità economica, uno stipendio per vivere.”

E possiamo dire che ci siamo un po’ tolti la responsabilità di dosso, in cambio di uno stipendio mensile. Anche questo deve cambiare in questo decennio, per il nostro lavoro futuro. Se vogliamo sopravvivere e navigare al meglio questo cambiamento, questa trasformazione che sta avvenendo.

Cosa dobbiamo fare? Dobbiamo diventare il prima possibile la nostra più grande risorsa.

Dobbiamo capire che non dobbiamo dare il nostro potere esternamente, ma possiamo avere il nostro potere e generare valore per il mondo, generare ricchezza e abbondanza. A parer mio, possiamo aiutare gli altri semplicemente restando connessi con il nostro potere interiore. Ed è questo che intendo quando dico di diventare la tua più grande risorsa. E ti faccio un esempio pratico.

Con il mio percorso e la mia esperienza, ho capito che la mia voce è una grandissima risorsa, le mie idee sono una grandissima risorsa, le mie esperienze di vita sono una grandissima risorsa. E queste cose le ho fatte diventare il mio lavoro. Prendo il mio telefono e registro i miei video. Ci sono persone che come me, canalizzeranno le proprie risorse in un canale YouTube magari, oppure facendo coaching e consulenze, scrivendo guide o facendo corsi online. Diventeranno insegnanti o educatori, oppure ci saranno persone che concentreranno quelle risorse ed energie per fare arte e diventare artisti, musicisti, scultori. O ancora c’è chi diventerà un esperto di finanza, un imprenditore, un esperto di marketing, di fitness, di alimentazione, di yoga, matematica o di qualsiasi altra cosa.

C’è un mondo. Il mio invito è quello di non pensare a “Quali opportunità ci sono la fuori”, ma piuttosto a “Quali risorse ci sono dentro di me? Quali doni ho ricevuto in questa vita? Quali sono i miei talenti che ho già dentro di me?”. Hai davvero tanto potenziale dentro di te, ognuno di noi ce l’ha e se riesci a canalizzarlo bene, può diventare il tuo lavoro futuro, la tua carriera, la tua più grande opportunità. Potresti diventare un imprenditore, o può anche essere che deciderai di dare il tuo potere a un datore di lavoro, va benissimo. Però sarai in contatto con te stesso. Perché quando sai quanto vali, sai anche quanto valore puoi generare.

Poco tempo fa ho fatto anche un video in cui parlavo di “Come guadagnare online” e dicevo

Abbiamo il potere come esseri umani, di creare valore dal niente, ma lo possiamo fare solo quando riconosciamo questo valore”.

Renditi conto che sei una risorsa infinita di valore e devi cominciare a risvegliarla e a costruirci intorno una carriera, basata sulle tue risorse interiori. Competenze, capacità, esperienze, punti di forza, predisposizioni naturali, passioni e talenti. Tutti noi ne abbiamo a volontà e ognuno è unico e irripetibile e quindi è nostra la responsabilità di guardarci dentro e scoprire queste cose.

  • 3) IMPARA A CONOSCERTI

Anche ora molte persone diranno “Okay Gabri, ha tutto molto senso, vedo dove stiamo andando. Vedo i cambiamenti del prossimo decennio e sono sicuro che realmente funzionerà per creare una carriera di successo, ma anche per avere una vita di successo. Per essere felici, in armonia, svegliarsi la mattina e fare ciò che amiamo senza essere frustrati. Però come posso fare concretamente a capire quali sono le mie risorse, qual è la mia nicchia, il mio settore? Non le riesco ad individuare, a capire.”

È normalissimo. Non c’è niente di sbagliato in te. Però questo è il tuo lavoro. Hai già un lavoro, quindi se sei disoccupato, o fai un lavoro che non ti piace, sappi che hai un lavoro molto più importante da fare ed hai già un contratto: devi scoprire chi sei. Entra dentro di te, capisci veramente chi sei, perché quando intraprendi questo viaggio interiore di scoperta, le risposte che troverai saranno i mattoncini per costruire la tua carriera e offrire valore al mondo. Scoprirai delle risorse facendo questo viaggio interiore, che poi potrai usare per il mondo esterno, facendolo diventare il tuo lavoro futuro e la tua carriera.

Alcuni ora penseranno “Okay Gabri, quindi tu ti conosci?” Bella domanda.

Questo è un viaggio che dura tutta una vita e forse anche più vite.

Però se mi chiedi “Gabri tu ti conosci rispetto a dieci anni fa?” la risposta è assolutamente sì. Ho fatto dei progressi incredibili e fra altri dieci anni mi guarderò indietro, magari riguarderò i miei video e dirò “Guarda che cucciolo, pensavo di conoscermi”. Perché è un percorso evolutivo, siamo in continua evoluzione e la nostra coscienza continua ad espandersi. Però in questo momento sicuramente ho capito chi sono rispetto a qualche anno fa.

Questo è un altro mio invito per te. Inizia a conoscerti, a capire chi sei nel profondo. E mentre andrai avanti in questo percorso, le risposte arriveranno, ma nel frattempo continua a mettere su mattoncini per la tua carriera e per il tuo lavoro futuro. Non vedrai un cambiamento dall’oggi al domani. È un progetto a medio-lungo termine, anzi forse è un progetto infinito, però prima inizi e meglio è.

E mentre scopri chi sei (ho già condiviso tantissimi video su come fare, come ad esempio “3 passi per scoprire il tuo scopo nella vita”), ci sono tantissime esperienze che si possono fare per conoscerci. Al giorno d’oggi ci sono davvero infinite opportunità. Guardati qualche mio video a riguardo se vuoi avere qualche spunto. A prescindere da questo, la priorità rimane il lavoro interiore, la scoperta di chi siamo.

Parallelamente, ben venga avere un “lavoro cuscinetto”, come lo chiamo io. Anche se non ti piace, va bene fare un lavoretto per guadagnare i tuoi soldi. Lo stai facendo per poterti mantenere, per sopravvivere e arrivare a fine mese, però non devi bloccarti qui. Questo è un lavoro cuscinetto che ti sta aiutando per fare il lavoro importante della scoperta di chi sei, perché più fai questo lavoro e più ci saranno le solide fondamenta per un decennio o ventennio. Per tutta la tua vita di gioia e di soddisfazione per il tuo servizio nel mondo.

Questa deve essere la tua priorità per il tuo lavoro futuro. 

Poi nel frattempo puoi fare i tuoi lavoretti, le tue esperienze, per portare a casa la pagnotta, come si dice. È molto importante questa distinzione, soprattutto nel decennio che abbiamo davanti. Dobbiamo capire secondo me, quali sono le priorità e smettere di perderci in paradigmi e metodi antiquati che non servono a niente e non ci portano a niente. Non funzionano più. Un’economia, un mondo del lavoro che non funziona più e andrà a morire.

Come dicevamo prima, ci sarà una parte di distruzione e una di nascita, di opportunità e grandissima espansione. Devi capire tu da che parte schierarti. Quella parte vecchia andrà a sgretolarsi e a morire ed è giusto così. Basta lavorare solo per i soldi e spendere 8 o 10 ore al giorno, magari cinque giorni su sette, o addirittura sette giorni su sette, con due settimane all’anno di vacanza. Basta fare un lavoro che non ci piace soltanto per uno stipendio. Deve finire tutto questo.

Dobbiamo evolverci come specie umana. E questo avverrà. Tu puoi scegliere di schierarti dalla parte del mondo delle opportunità, nella fase che sta rinascendo. Ma quella fase può rinascere solo se entri in contatto con i tuoi doni divini che ti sono stati dati dalla nascita.

Questo è quello che tutti noi dobbiamo fare, per il nostro lavoro futuro, in particolare per il decennio che ci attende.

 

LE GUIDE:

► (E-book) The Freedom Lifestyle: Come girare il mondo, lavorare ovunque e creare la tua libertà: http://gabri.life/freedom-lifestyle/

► (E-book) ROADMAP: 3 passi per scoprire cosa fare nella vita: http://gabri.life/roadmap/

► (E-book) BUSINESS DIGITALE: Come creare un business Online di Coaching & Consulenza https://gabri.life/ebook/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► THE BRIDGE

Se ti interessa lavorare online e creare la tua libertà, qui puoi trovare più informazioni sul mio training “THE BRIDGE” dove ti seguo passo-passo nel creare un tuo business online di Coaching & Consulenza: https://gabri.life/thebridge/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► CONSULENZA PRIVATA 1-1: https://bit.ly/34JfP55

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

INSTAGRAM ► Seguimi su Instagram per vedere ogni giorno le mie storie: https://www.instagram.com/gabri.way/

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile.

Un abbraccio e a presto,

Gabri

 

Realizzare i propri sogni: 3 passi per creare la tua vita ideale

COME REALIZZARE I PROPRI SOGNI

Introduzione

Sono immensamente grato di poter condividere con te questa idea e di poter interagire anche se in modo digitale. Condividerò con te alcuni step per realizzare i sogni e vivere la vita che desideri. In uno dei miei articoli ti avevo parlato di “Guarigione emotiva e come fare a rialzarsi”, clicca qui per leggere l’articolo. Ti ho parlato un po’ di come andare verso la luce per migliorare la nostra vita, per creare una vita migliore. Quando ci troviamo in un periodo buio e di depressione, ci sentiamo bloccati dalle nostre emozioni, dai nostri pensieri e paure. Restiamo bloccati in un tunnel e non vediamo la luce.

Abbiamo visto insieme qualche idea per sbloccarci. Il concetto principale era di aumentare le nostre vibrazioni, perché siamo fatti di energia, quindi se ci prendiamo cura in particolar modo dalla nostra mente, anche il nostro corpo e la nostra anima staranno meglio. E ci sono tante strategie per riprendere il controllo e abbandonare queste emozioni basse, come ansia, paura, depressione, negatività, rabbia. Dobbiamo cercare di direzionarci verso emozioni più in alto, come gratitudine e gioia, accettazione, pace e armonia.

Puoi anche guardare il mio video “Come creare la tua vita ideale: 3 passi per realizzare i propri sogni”

Come faccio a curare la mia anima e il mio corpo?

Ci sono tantissime strategie. Studia e poi implementa nella tua vita e ti posso garantire che ti sentirai meglio. Ti sentirai più equilibrato, più stabile. Magari avrai abbandonato un po’ quelle emozioni basse e negative e penserai “Okay, adesso sto ben. Non è stato semplice, non sto vivendo la mia vita ideale, però mi sono rialzato e sono pronto”.

Ed ecco che entra in gioco questo articolo. Voglio condividere con te 3 passi per creare la tua vita ideale, perché adesso siamo nella condizione giusta per fare quel salto di qualità. Possiamo passare al livello successivo, perché è nella natura umana il desiderio di voler crescere, migliorare e volere di più. È un desiderio naturale che abbiamo tutti noi, nel nostro DNA. Vogliamo semplicemente migliorare la nostra situazione attuale, quindi se stiamo bene, siamo equilibrati. E perché non puntare a migliorare ancora di più la nostra vita, perché non iniziare a creare la tua vita ideale.

Perché no? Questa è la domanda che ti invito a porti.

“Perché non posso creare la mia vita ideale, soprattutto considerando il fatto che la nostra vita e il nostro tempo qui sono limitati?”

Perché non vivere a pieno, perché non fare il lavoro che sogniamo, perché non vivere nel posto che vogliamo? Perché non creare la nostra giornata, o settimana, o il nostro anno e strutturare il nostro stile di vita come vogliamo, perché no? Chi ce lo impedisce? Lo so che facciamo parte di una società piena d pensieri limitanti, però il nostro tempo, questo giro di giostra chiamato vita è breve e limitato. Godiamocelo.

Siamo tutti paralizzati e terrorizzati che finisca e vorrei darti dei consigli, delle strategie pratiche per creare la tua ideale e realizzare i sogni. Perché te lo meriti, ma soprattutto perché hai il potere di farlo. E te lo dico per esperienza personale. Perché quando ho capito che potevo creare la mia vita ideale, quando ho iniziato a dire “perché no?”, perché non posso creare la vita che mi piace sotto tutti gli aspetti? Perché non posso fare quello che amo?

Quando ho iniziato a farmi queste domande è avvenuto un cambiamento nella mia vita e probabilmente continuerà a cambiare. E vorrei condividere appunto qualche concetto, qualche strategia che può veramente aiutare a realizzare i propri sogni.

In particolar modo voglio condividere con te 3 i passi da seguire per creare la tua vita ideale.

  • 1) PRENDI CONSAPEVOLEZZA

Il primo passo da fare è prendere consapevolezza del fatto che viviamo in una società malata e disfunzionale. Ne ho parlato spesso nei miei video e continuerò a farlo fin quando le cose non miglioreranno. Se mi segui, sai che adoro una frase in particolare di Krishnamurti, che dice

“Non è segno di salute mentale essere bene adattati ad una società profondamente malata”.

Questa frase rappresenta la nostra situazione attuale e nonostante l’abbia detta tanti anni fa, oggi è valida più che mai. Viviamo in una società malata e dobbiamo renderci conto di questo, dobbiamo diventare consapevoli.

Perché se pensiamo che vada tutto bene, ci adattiamo di conseguenza.

Pensiamo di doverci adattare noi alla società, quando in realtà non è così, perché se ci adattiamo diventiamo anche noi malati. Magari noi siamo sani, le nostre intenzioni, il nostro intuito, i nostri sogni e i nostri desideri sono sani. Ma se poi viviamo in un contesto umano malato che noi crediamo sia giusto, automaticamente ci adattiamo e diventiamo anche noi malati, tossici.

E basta guardarci intorno per renderci conto, basta pensare al sistema educativo, che è completamente antiquato. Ci insegnano cose che non servono al giorno d’oggi, ci sono cose che non sono rivendibili o utilizzabili nella vita reale. Poi tralasciano le cose più importanti, tralasciano come capire le nostre emozioni, come conoscerci, come scoprire i nostri talenti, le nostre predisposizioni. Non ci insegnano come usare la nostra scatola, come funziona la nostra mente. Sono tutte cose fondamentali che ci servono per vivere e che vengono tralasciate.

Ci parlano di matematica, di storia, di che cosa accadde nel 1540. “Ma insegnami a vivere, a stare bene, insegnami a trovare un equilibrio!”. Quindi rendiamoci conto che il sistema educativo è fallato, anche se per fortuna le cose stanno finalmente cambiando. Tanti imprenditori e visionari stanno veramente rivoluzionando, un passettino alla volta, il sistema educativo. Stiamo acquisendo questa consapevolezza e ci stiamo rendendo conto che dobbiamo cambiare le cose, però purtroppo la situazione è ancora abbastanza drastica.

Questo era solo un esempio.

Basta vedere la nostra società basata sul consumismo, con tutte queste pubblicità, tutte queste manipolazioni che cercano sempre di farci comprare e spendere soldi. Come dico io, pensano che siamo delle carte di credito con le gambe e poi cercano di farci comprare l’ultimo iPhone, l’ultimo modello di automobile, l’ultimo vestito alla moda e l’ultimo makeup. Non sei abbastanza bello se non compri questo, non sei abbastanza bravo se non fai quest’altro.

È sempre una manipolazione, è sempre un volerti vendere qualcosa. E questo è assolutamente tossico, perché non lo fanno per il nostro bene. Sanno che una macchina non ci renderà felici e nemmeno l’ultimo Rolex, o la borsa di Louis Vuitton, o qualsiasi altra cosa che cercano di venderci. Anche tutta la pubblicità sul cibo spazzatura che viene promossa sui giornali, in televisione, ovunque. Sanno che non è per il nostro bene, ma è più importante nella società l’aspetto economico e il guadagno.

Questi esempi per dirti che devi prendere consapevolezza e devi renderti conto che se non sei tu a capire questa situazione e a decidere di voler cambiare e di voler uscire da questa trappola, nessuno lo farà per te. Rimarrai intrappolato, vittima di questa manipolazione, di questa malattia. Io lo vedo come se un virus in questo momento la nostra società. Quindi prendi consapevolezza di doverti salvare da solo e staccarti da tutte queste dinamiche tossiche per iniziare a fare qualcosa di buono per te e per il tuo futuro. Dobbiamo capire il prima possibile che il primo passo da fare è renderci conto che siamo una società disfunzionale. E qui ci colleghiamo al secondo passo.

 

  • 2) DEFINISCI LA TUA VITA IDEALE

Abbiamo capito la disfunzione del mondo in cui viviamo ed è il momento di prenderci del tempo in tranquillità per visualizzare e definire la nostra vita ideale. Come dice Seneca nella sua famosa citazione

“Non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”

Per questo motivo dobbiamo prenderci del tempo fuori dal caos, fuori dal ciclo della società, fuori della tossicità. Prenditi del tempo in tranquillità, in natura, stacca per qualche giorno.

Personalmente, io andavo spesso a Rimini, mi prendevo un alberghetto economico fuori stagione e portavo i miei libri, il mio quaderno e passeggiavo in spiaggia. Mi prendevo del tempo per entrare dentro di me, per ascoltarmi e per definire la mia vita ideale. Questo è fondamentale, perché se non ci chiediamo “Cosa voglio dalla mia vita?” – “Che cosa voglio fare?” –  “Qual è la mia vita ideale?” – “Dove voglio andare?”, se non ci prendiamo del tempo per definire la nostra vita ideale, non ci arriveremo mai, non lo raggiungeremo mai.

Solo noi possiamo capire dove dobbiamo andare e per capirlo dobbiamo prenderci del tempo in tranquillità. Abbiamo bisogno di entrare dentro noi e di ascoltarci. Come sarebbe strutturata la tua vita, la tua giornata ideale per poter dire “Pazzesco, questa sarà la mia giornata”? Dobbiamo prenderci del tempo per farci queste domande, per scrivere e fare assoluta chiarezza su queste cose.

Ti lascio anche un link dove condivido con te gratuitamente questi 3 passi via mail. Nella seconda e-mail che riceverai, ti faccio proprio le domande giuste per aiutarti a definire la tua vita. È estremamente importante ed è talmente banale questo esercizio, che le persone non lo fanno. Eppure, è basilare. Dobbiamo capire dove vogliamo andare.

La mia esperienza personale.

Quando ho fatto per la prima volta questo esercizio, ovvero di prendermi del tempo, staccarmi e definire la mia vita ideale, era il 2014. Stavo leggendo il libro Finding your own north star di Martha Beck, una coach americana straordinaria. Il libro è solamente in lingua inglese, ma è pazzesco e mi ha veramente aiutato tantissimo. In quel periodo facevo anche coaching, quindi stavo usando tutte le strade possibili per migliorare la mia vita, per realizzare i miei sogni.

E quindi ho fatto per la prima volta questo esercizio. Mi ricordo ancora che mi ero proprio preso del tempo per immaginarmi la mia vita ideale e in quel momento ero bloccato a Milano, sentivo che avevo uno stile di vita che non mi piaceva. Andavo tutti i giorni in ufficio ed ero bloccato da emozioni negative. Non stavo vivendo la vita che volevo. Allora ho semplicemente ho immaginato la vita che sognavo. In quel momento desideravo vivere a Bali, non so per quale motivo, non c’ero mai stato, però avevo quest’idea.

Ho scritto “Bali” e ho iniziato a immaginare che mi sarebbe piaciuto vivere in mezzo alla natura, magari vicino al mare, in una bella casa in tranquillità. Svegliarmi la mattina senza sveglia, con i miei tempi e poi dedicare la mia giornata ad aiutare gli altri e a migliorare la vita di altre persone. In particolar modo volevo aiutare i giovani a trovare la propria strada, a trovare il proprio lavoro ideale e aiutarli a livello personale. Questa era la mia visione, ma stavo facendo tutt’altro nella mia vita, quindi quello era un sogno.

E pensavo “Figurati se riuscirò mai a fare queste cose”.

Eppure, mi sono preso il tempo per immaginare, anche se non credevo a quello che stavo scrivendo, ho pensato di fare lo stesso quell’esercizio. Ho immaginato di vivere a Bali, di svegliarmi la mattina libero e grato, in pace con me stesso. Apprezzavo la vita, la natura e aiutavo altre persone guadagnando grazie a questo. Immaginavo di avere un’attività online e un blog.

Probabilmente ora ti verrà da ridere perché sai che questa è la mia vita di oggi, ma qualche anno fa, nel 2014 era solo un sogno inimmaginabile. Grazie al tempo che mi sono preso per scrivere questa vita ideale, è cambiato tutto. Quando ho scritto quello che immaginavo, ho iniziato ad avere una vera e propria visione e ho pensato “Okay, è questo quello che voglio”. E quasi tutte le mie energie, tutta la mia attenzione mentale, sono andate in quella direzione. È come se avessi creato un obiettivo nella mia mente e ci sono voluti un paio d’anni per raggiungerlo, quindi non è una passeggiata, però avevo trovato una direzione.

Come dice Seneca appunto, se non hai una direzione e non sai dove andare, qualsiasi direzione ti porta a destra e a sinistra, seguendo le aspettative degli altri, la società, gli amici e i tuoi genitori. Così butti via anni preziosi, mentre se hai una vita ideale in mente, sai esattamente dove vuoi andare.

E questo è il mio invito per te: prenditi del tempo per definire la tua vita ideale e realizzare i tuoi sogni.

  • 3) CREA UN PIANO D’AZIONE

Perché avere la vita ideale in mente non basta. Una volta che la definiamo, dobbiamo anche creare un piano d’azione. Di questo ne parlo anche nella mia guida Freedom Lifestyle. Parlo dell’importanza di creare un piano d’azione, ovvero di chiederci “Adesso che so dove voglio andare, come faccio ad arrivare lì? Che step devo intraprendere? Quali competenze devo sviluppare?”

Molto spesso dobbiamo sviluppare delle competenze nuove che ancora non abbiamo, ma ancora più importante, il vero cambiamento che deve avvenire è a livello personale, a livello interiore. Credo fortemente che dobbiamo diventare persone diverse per poterci meritare la vita che sogniamo. Dobbiamo intraprendere un percorso di trasformazione personale, di crescita vera e propria.

E quindi iniziamo a chiederci “Come posso arrivare lì? – Qual è il percorso da fare?”

E nel mio caso, tornando all’esempio della vita ideale a Bali, ero bloccato a Milano, quindi era molto distante quella vita. Allora ho iniziato a chiedermi “Come posso fare e cosa devo fare per arrivare lì?”.

In questi anni ho iniziato a lavorare su queste cose, ad esempio sentivo di aver del lavoro interiore da fare, dei blocchi emotivi e dei traumi irrisolti. E quindi sono andato in terapia per lavorare su di me, ho fatto coaching e nel frattempo sviluppavo anche altre competenze. Leggevo libri per aprire un mio blog, perché l’idea era quella di aprire un’attività online per aiutare altre persone. Ho iniziato a formarmi, a lavorare con coach per sviluppare quelle competenze e allo stesso tempo studiavo marketing, cercavo di capire come funzionava il digital marketing. Stavo facendo gli step necessari e stavo sviluppando le competenze necessarie, ma stavo diventando la persona richiesta per poter vivere quella vita, per potermi meritare quella vita.

Questo è il terzo passo.

Dobbiamo capire gli step da intraprendere per realizzare la nostra vita ideale. Dobbiamo capire che percorso evolutivo dobbiamo percorrere. Questo è il momento di studiare, di formarti, di investire in formazione. Devi imparare cose nuove, acquisire conoscenze e competenze e avere dei mentori, delle persone che ti possono guidare. Questo è il momento di rimboccarsi le maniche e passare all’azione per realizzare i propri sogni. Altrimenti non avverrà mai. Resterà soltanto parte della tua immaginazione. Ci vuole quella parte pratica e concreta di lavoro e di sviluppo, di crescita, di evoluzione personale e professionale.

 

Questi erano i 3 passi per realizzare i propri sogni e vivere la tua vita ideale. Per concludere vorrei passarti un messaggio importante.

Credo che ognuno di noi, oggi più che mai, dovrebbe davvero mettercela tutta. È importante andare a creare la nostra vita ideale. Oggi c’è un grande bisogno di persone VIVE, che sentono di essere vive. C’è bisogno di persone che sentono di esprimere a pieno il loro potenziale, facendo il lavoro che amano e vivendo la vita che sognano.

Questo diventerà un effetto a catena, il nostro bicchiere si riempirà, ma non solo. A forza di riempirsi strariperà e con tutta quell’abbondanza potrai veramente aiutare anche altre persone. Sarà d’impatto anche per migliorare la vita di altre persone, quindi porterai luce, ispirazione, porterai incoraggiamento. Potrai essere l’esempio per far vedere che è possibile. È possibile realizzare i propri sogni, è possibile che la vita ideale diventi reale ed è possibile credere in noi stessi e cambiare drasticamente la situazione.

Il modo migliore per insegnare e dimostrarlo agli altri è facendolo noi stessi in primis. Prima dobbiamo prenderci cura di noi, come dico sempre e quando inizi a vedere i risultati sulla tua pelle, potrai essere quell’esempio di ispirazione per gli altri. E se vogliamo poi possiamo aiutare ancora di più gli, ma quello è uno step successivo. In questa fase dobbiamo prenderci cura di noi e assicurarci di creare una vita che esprima a pieno il nostro potenziale. Vedi le cose a livello egoistico, per te e per la tua felicità, per il tuo bene. Vedila come se il mondo volesse vederti felice. Vogliamo vederti tutti stare bene, perché quando tu stai bene fai luce. In questo mondo che al giorno d’oggi fatto di paura, di chiusura, di distacco, di tanti pensieri limitanti e di competizione.

Siamo tutti qui a supportarti, perché aiuterai anche tutti noi, sarai un bene per l’umanità.

Spero che questa prospettiva possa aiutarti, ti possa incoraggiare ancora di più a inseguire i tuoi sogni. Spero ti aiuti a pensare di meritarti di creare la vita che desideri. Perché non tutti beneficeranno da questo ovviamente. Io posso aiutarti dandoti qualche dritta e ti consiglio anche di ricevere le mie e-mail gratuite dove ti seguo passo, passo in questi 3 step con degli esercizi pratici.

Spero tanto che questo articolo ti sia stato utile. Io sto vivendo la mia vita ideale da anni ormai. Dopo aver fatto quell’esercizio, tutto ciò che mi sembrava una cosa lontanissima e inimmaginabile, nel giro di due anni è diventata realtà. Poi è un’evoluzione continua ovviamente. Come sai non sono qui a fare il saputello e a insegnare nulla, ma condivido soltanto il mio percorso. Ed è per questo che ti sto dicendo che questo funziona, perché l’ho vissuto sulla mia pelle e vedo che funziona nella vita di tantissime altre persone. Devi solo crederci e devi prima di tutto credere in te stesso.

Spero davvero che questi 3 passi ti possano essere d’aiuto per creare la tua vita ideale e realizzare i tuoi sogni che fino ad oggi ti sembravano così lontani dalla realtà.

LE GUIDE:

► (E-book) The Freedom Lifestyle: Come girare il mondo, lavorare ovunque e creare la tua libertà: http://gabri.life/freedom-lifestyle/

► (E-book) ROADMAP: 3 passi per scoprire cosa fare nella vita: http://gabri.life/roadmap/

► (E-book) BUSINESS DIGITALE: Come creare un business Online di Coaching & Consulenza https://gabri.life/ebook/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► THE BRIDGE

Se ti interessa lavorare online e creare la tua libertà, qui puoi trovare più informazioni sul mio training “THE BRIDGE” dove ti seguo passo-passo nel creare un tuo business online di Coaching & Consulenza: https://gabri.life/thebridge/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► CONSULENZA PRIVATA 1-1: https://bit.ly/34JfP55

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

INSTAGRAM ► Seguimi su Instagram per vedere ogni giorno le mie storie: https://www.instagram.com/gabri.way/

 

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile.

 

Un abbraccio e a presto,

Gabri