Blog

BYPASS SPIRITUALE: la vera trappola

Introduzione a Bypass Spirituale

Nell’articolo di oggi vorrei parlare di un argomento davvero delicato e potrebbe essere molto intenso: il Bypass Spirituale. Potresti conoscere già questa tematica oppure no, ma credo sia veramente importante parlarne. Parto con una premessa: nel mio canale condivido le mie esperienze di vita, con uno scopo principale ben preciso. Il mio obiettivo è aiutarti a crescere, ad evolverti come persona e a intraprendere questo percorso individuale, ognuno ha il proprio, di crescita personale.

Sappiamo tutti che l’evoluzione, il cambiamento, non è piacevole. Molto spesso è attraverso le difficoltà e la cruda realtà che si cresce. Per questo con i miei video e i miei articoli cerco di portare argomenti scomodi che possono dare fastidio, possono sgretolare il tuo sistema di credenze. Perché è lì la vera opportunità di crescita. Quando mettiamo in discussione noi stessi.

A volte faccio video come questo:

Ti dico che sei speciale, perché lo sei effettivamente. Siamo in minoranza a trovare il coraggio di migliorare la nostra vita e fare introspezione ed è importante. Però poi sento anche il bisogno di scrivere articoli come questo, in cui ti dico di stare attento perché magari ti stai illudendo, stai attento perché potresti essere il tuo più grande ostacolo in questo momento. A parer mio sono questi i concetti che portano alla crescita personale.

Se hai visto il video in cui ti dico che sei speciale, avrai notato che è pieno di like e commenti positivi e mi ha fatto molto piacere questo. Però non possiamo intrappolarci. Quindi vorrei che argomenti scomodi come quello che andremo a trattare oggi, fossero ancora più apprezzati perché è attraverso questi che possiamo raggiungere l’essenza. Vediamo le cose che ci fanno davvero crescere.

Puoi guardare anche il mio video “Bypass Spirituale: la vera trappola”

Di che cosa sto parlando?

spiritualità

Parliamo di Bypass Spirituale (spiritual bypass), un termine che è stato coniato negli anni ’80 da John Welwood, uno psicoterapeuta con un approccio buddhista. Che cosa significa Bypass Spirituale? Significa utilizzare la spiritualità, tecniche spirituali, la disciplina new age con tutte le discipline alternative che stanno emergendo negli ultimi anni. Significa utilizzare tutto questo per evitare problemi emotivi e psicologici che sono dentro di noi. Soprattutto per le ferite del nostro passato che sono dentro di noi, che sono troppo scomode e dolorose per vederle e affrontarle, per cui ci concentriamo sulla spiritualità.

Trascendiamo il nostro ego, ci eleviamo in persone spirituali, nella meditazione e nel frequentare gruppi new age. Facciamo questo per evitare quel dolore. Questo significa bypassare delle ferite psicologiche, per non soffrire. Questo è un fenomeno molto diffuso al giorno d’oggi e per questo voglio parlarne con te, per fartelo presente e per darti qualche consiglio. È importante sapere che esiste questa dinamica dell’essere umano, per poterti rendere conto se stai cadendo in quella trappola.

Perché conosco il Bypass Spirituale?

Conosco molto bene questo fenomeno, perché ci sono passato, ci sono caduto con entrambi i piedi più volte nel corso degli anni. La prima volta è stata la più incredibile ed evidente. Ero agli inizi del mio percorso evolutivo, intorno al 2013. Stavo male, avevo affrontato due lutti in famiglia, avevo appena lasciato la mia carriera nel mondo alberghiero, ero totalmente perso. Non avevo più certezze e il mio mondo si era sgretolato intorno a me.

Sono caduto in uno stato depressivo.

Che cosa ho fatto? Non ho pensato di farmi aiutare da un professionista, volevo farcela da solo, perciò ho iniziato a cercare risposte nei libri per risolvere il mio dolore. Ho scoperto un libro molto famoso in tutto il mondo, uno dei best seller di Eckhart TolleIl potere di adesso”. Stavo cercando una soluzione per stare bene nell’immediato e quindi ho cercato rifugio nei libri spirituali. Ricordo molto bene che in quel periodo ero andato a Rimini, per una delle mie fughe di qualche giorno in cui mi rifugiavo in una camera d’albergo a leggere e passeggiavo sulla spiaggia. Quella è stata la prima fase di forte contatto spirituale, in cui ho sentito qualcosa dentro di me causato proprio dalla sofferenza che avevo dentro.

E leggendo il libro di Tolle (subito dopo ho letto anche “Un nuovo mondo”) sono completamente caduto nella trappola del bypass spirituale. Mentre leggevo quel libro che reputo davvero illuminante, ho iniziato a capire che cosa fosse l’ego, ho iniziato a scoprire che l’ego può essere il nostro peggior nemico. Avevo in mente l’idea che il momento presente è la chiave di tutto ed è la soluzione a qualsiasi problema. Pagina dopo pagina mi sembrava di aver trovato una soluzione semplice a tutto quanto. Da quel momento ho iniziato ad entrare veramente in questo mondo spirituale.

Ti faccio un esempio personale.

Una mia ferita aperta da diversi anni ad esempio era il mio sentirmi sempre inferiore, il mio non sentirmi parte di niente, causata dal divorzio dei miei genitori probabilmente. Pensavo di aver risolto questo problema con il mio momento presente, perché pensavo “è il mio ego, non esiste il passato, è un’illusione. Esiste solo il momento presente”. Quella ferita l’ho magicamente rimarginata con questo pensiero, ma solo temporaneamente.

Un altro esempio personale può essere il mio periodo delle superiori, in cui ho subito del bullismo fisicamente e verbalmente dai miei compagni di scuola e anche questa ferita, leggendo quel libro la sentivo scomparire. Pensavo che il dolore potesse scomparire, perché l’unica cosa importante è il presente e quelle ferite fanno parte del passato, che non esiste più. Pensavo “Devo distruggere il mio ego”.

Questa era la trappola in cui ero caduto.

trappola spirituale

Ha funzionato per un po’ di tempo, poi grazie a Dio, la vita ti porta sempre alla realtà. Molto spesso la verità è scomoda ed è proprio quella che cercavo di evitare. Dopo diversi mesi passati a leggere sempre più libri, tecniche di meditazione, incensi, eccetera, ho scoperto che quelle ferite in realtà, dovevo guarirle. Stavo cercando di evitarle e bypassarle a livello spirituale, ma non potevo più scappare. L’ho imparato con le cattive maniere, quando la vita mi ha dato una botta in testa ed è lì che ho deciso di farmi aiutare concretamente. Ho iniziato un percorso di terapia, ho iniziato ad entrare a fondo dentro di me per conoscermi e guarire quelle parti dolorose che tenevo dentro.

Ti racconto tutto questo perché è una realtà che accomuna troppe persone.

Condivido la mia esperienza sperando di darti un po’ più di prospettiva e per farti capire che molto spesso ci rivolgiamo alla spiritualità e alla crescita personale, semplicemente per scappare da qualcosa che dobbiamo assolutamente affrontare. Gioia, serenità, meditazione e gratitudine sono straordinarie, ne parlo in continuazione e hanno davvero cambiato la mia vita, non fraintendermi. Però dobbiamo essere prima di tutto onesti con noi stessi e stare attenti a non approcciarsi a questo mondo soltanto per scappare dai nostri traumi psicologici.

Questo è il punto centrale di questo articolo.

Ad alcune persone oggi forse darò la conferma di essere sulla strada giusta, mentre per altre sarà una secchiata di acqua ghiacciata probabilmente. Però lo faccio con amore, ti dico questo perché è quello che serve per crescere. Bisogna vedere la realtà per evolverci, altrimenti vivremo nell’illusione di stare crescendo, quando invece stiamo soltanto scappando.

Se avessi avuto queste consapevolezze nei miei anni bui, mi sarei risparmiato tanta sofferenza e frustrazione. Strada facendo ho imparato e ho cambiato punto di vista, però sono molto vulnerabile a questa dinamica. Potrei essere tutt’ora dentro alla spirale del bypass spirituale, magari in maniera più lieve. Per questo dobbiamo essere sempre consapevoli, metterci sempre in discussione e capire dove ci stiamo illudendo. Dobbiamo essere presenti riguardo il nostro percorso e ciò che sentiamo e facciamo.

Qual è la soluzione?

bypass

La soluzione al bypass spirituale è l’onestà. Essere il più sincero e trasparente possibile con te stesso, guardare la realtà dei fatti e se non riesci ad esserlo, puoi farti aiutare da qualcuno. Da una persona esterna che ti conosce, oppure da un terapeuta, un coach. Se senti di dover affrontare un percorso di guarigione e penso che il 90% delle persone dovrebbe farlo, perché tutti abbiamo delle ferite da curare e tanti cercano di evaderle. Una delle soluzioni migliori è sicuramente la psicoterapia. Questo è quello che ho fatto io, dopo essermi reso conto del mio bypass spirituale, ho deciso di farmi aiutare e la mia vita è cambiata totalmente.

Ho scritto un articolo che ti consiglio di leggere in cui parlo di “Come rialzarsi: 2 consigli per uscire dal tunnel“, puoi leggerlo cliccando qui.

Per esperienza personale posso anche dirti che non è facile trovare un bravo terapeuta, ce ne sono di pessimi e ci sono quelli che invece ti cambiano la vita. Ci sono terapeuti che hanno una sensibilità e una professionalità pazzesca. Questa a parer mio, è una delle soluzioni migliori, ma ci sono anche approcci più olistici. Ma a prescindere dal percorso che sceglierai, la chiave è sempre essere sincero e onesto con te stesso. Trova il coraggio di affrontare le tue ferite, solo così potrai guarirle.

A questo proposito, trovo perfetto il modo in cui ne parla Ken Wilber, uno dei filosofi viventi più straordinari. Ho letto alcuni dei suoi libri e in uno dei suoi concetti spiega proprio che se vogliamo evolverci spiritualmente, anziché bypassare, dovremmo integrare il nostro ego e la nostra personalità. Perché una volta integrata, possiamo trascenderla. Che cosa significa? Significa integrare le nostre ferite, i nostri traumi, soprattutto quelli più profondi. Dobbiamo guarire, guarire il nostro ego e la costruzione di chi pensiamo di essere.

Wilber la chiama “integrazione”, intesa come un diventare un tutt’uno accettando le nostre parti ferite e frammentate che si sono divise nel corso degli anni. Questo è fondamentale, è la base di tutto. Possiamo anche fermarci qua, solitamente la psicoterapia si ferma all’integrazione, però quando facciamo questo e sentiamo una spinta spirituale, ecco che possiamo trascendere. Ed è così che entriamo nella dimensione spirituale e possiamo collegarci ad altre tematiche che ho trattato in alcuni miei video.

Ad esempio, puoi guardare questo video

Però questi sono concetti che possono emergere solo quando trascendiamo l’ego, ma non possiamo trascendere se prima non lo integriamo. Possiamo anche fare le due cose separatamente, tenendo a mente che la priorità è guarire e integrare l’ego. Dopo aver fatto questo, liberiamo energia che possiamo utilizzare per trascendere l’ego e fare ragionamenti più elevati a livello di spiritualità.

Molto persone non vogliono affrontare il dolore dell’integrazione e saltano direttamente alla spiritualità, continuando poi a convivere con un ego ferito. Questo è un concetto molto importante da tenere a mente. Con questo articolo spero di aver spiegato in maniera abbastanza chiara che cos’è il Bypass Spirituale.

Metti in discussione le tue credenze

confusione spirituale

So che probabilmente dopo aver letto tutto questo ti sentirai un po’ confuso, ma la confusione è positiva, è un segnale. E il mio obiettivo è proprio questo, ovviamente con amore, ma il mio scopo è quello di farti mettere tutto in discussione. Perché più ci mettiamo in discussione, più inizieremo ad affidarci a quello che sentiamo e a smettere di aggrapparci a religioni e credenze esterne. Perché quando ci rendiamo conto che anche queste cose hanno dei limiti, prendiamo pieno controllo della nostra vita.

Prendiamo la piena responsabilità e iniziamo a pensare “anche se sono confuso, trovo questa verità dentro di me”. Perché la verità è solo dentro di noi. Per cui quando nei miei video ti invito a mettere in discussione le tue credenze, lo faccio per il tuo bene, per farti diventare più resiliente, più saggio. Smetti di credere a tutto quello che c’è fuori. Anche i libri importanti e autorevoli come quello di Eckhart Tolle, che tante persone vedono come una Bibbia, io ti invito invece a metterlo in discussione. Non che non ci siano delle verità, ma devi dare priorità a te stesso a parer mio.

Il nostro percorso è l’unica cosa che abbiamo e che ci caratterizza davvero.

 

LE GUIDE:

► (E-book) BUSINESS DIGITALE: Come creare un business Online di Coaching & Consulenza https://gabri.life/ebook/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► THE BRIDGE

Se ti interessa lavorare online e creare la tua libertà, qui puoi trovare più informazioni sul mio training “THE BRIDGE” dove ti seguo passo-passo nel creare un tuo business online di Coaching & Consulenza: https://gabri.life/thebridge/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► CONSULENZA PRIVATA 1-1: https://bit.ly/34JfP55

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

INSTAGRAM ► Seguimi su Instagram per vedere ogni giorno le mie storie: https://www.instagram.com/gabri.way/

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile.

Un abbraccio e a presto,

Gabri