mi devi credere

Sistema di credenze: MI DEVI CREDERE!

Introduzione: sistema di credenze

Nell’articolo di oggi vorrei parlare di una delle cose più importanti di tutte, una cosa fondamentale a parer mio. È anche un argomento nuovo per me da trattare e ti invito a leggere l’articolo completo perché potrebbe avere davvero un impatto importante, o comunque potrebbe far nascere grandi consapevolezze. Parliamo di credenze, del nostro sistema di credenze.

Puoi anche guardare il mio video

Per prima cosa iniziamo a definire che cos’è una credenza, partendo proprio dall’etimologia della parola che ho trovato su Wikipedia.

“Credenza: l’atteggiamento di chi riconosce per vera una proposizione, ammettendone la validità sul piano della verità oggettiva. Nel senso che credere in un enunciato equivale ad affermare che è vero”.

Questo ci fa capire che le credenze vanno a creare delle verità oggettive, ovvero che questa realtà, questo mondo in cui viviamo e pensiamo che esiste davvero, in fondo è fatto esclusivamente di credenze. Crediamo di stare esistendo, di avere di un corpo, io credo di essere Gabriele, di essere un uomo, credo di lavorare come coach e come youtuber. Credo queste cose. Ma è una realtà oggettiva. Chi dice che questa sia la verità?

Costruiamo la nostra realtà su credenze e molte di queste derivano dalla nostra infanzia. A me piace vederla come se quando nasciamo siamo totalmente liberi da ogni credenza, ma allo stesso tempo siamo come spugne che assorbono tutto quello che ci circonda. Quindi iniziamo ad assorbire le credenze dei nostri genitori, della nostra famiglia, dei nostri amici, dell’insegnante, della nostra fidanzata e piano, piano iniziamo a costruire una realtà che possiamo chiamare personalità, o ego e non è altro che un insieme di credenze acquisite strada facendo.

Sistema di credenze positive e negative

Le credenze possono essere positive o negative, che poi il termine negativo è un’etichetta con cui distinguiamo il bene e il male ed è anch’essa una credenza. Alcune credenze le consideriamo negative perché sono legate a traumi del passato magari e molte persone hanno credenze distruttive per la propria vita. A livello inconscio pensano di essere sbagliati e ne parlo spesso nei miei video.

Ti consiglio di leggere anche il mio articolo in cui parlo di bassa autostima per esempio, puoi leggerlo cliccando qui.

Una bassa autostima nasce da dentro di noi, nasce da credenze sbagliate che abbiamo identificato come verità. E queste credenze le manifestiamo nella nostra vita, per cui possono diventare distruttive. Poi ci sono anche le credenze positive, che molto spesso acquisiamo facendo un percorso di crescita personale ad esempio. Si possono assorbire anche nell’infanzia ovviamente, ma la maggior parte delle persone ha subito un’infanzia piuttosto traumatica e nel corso della vita adulta hanno cercato poi di integrare delle credenze positive, come è successo a me personalmente. Si cercano credenze positive nei libri, nelle esperienze all’estero, o facendo corsi, perché vogliamo essere felici, vogliamo stare bene ed essere positivi.

Ma anche in questo caso il “positivo” è sempre un’etichetta perché sono pur sempre delle credenze quelle che sviluppiamo negli anni. “Sono abbastanza, sono potente, posso fare quello che voglio, posso riuscire a fare da solo, sono un padre, un imprenditore di successo”. Tutte queste sono credenze che alcune persone fanno entrare letteralmente nel proprio sistema e diventano la loro realtà, che automaticamente si va a manifestare. Ma a prescindere che siano positive o negative, sono sempre le carte che vanno a costruire il castello che ci circonda, fatto appunto di credenze.

Ti faccio un esempio personale

credenze limitanti

Facendo questo esempio mi metto totalmente in gioco, rivelandoti qualcosa che a livello di credenze gioca contro i miei interessi. Se mi segui, se stai guardando i miei video o leggendo i miei articoli, è molto probabile che tu abbia un sistema di credenze simile al mio. Magari sarai d’accordo con alcuni concetti e con altri meno, però comunque ci sarà sicuramente una sorta di allineamento tra i nostri sistemi di credenze. Però ti dico questo. Io con il mio personale sistema di credenze che ho costruito negli anni, dall’infanzia ad oggi, ti dico ad esempio che amo viaggiare, che viaggiare è bello, positivo, è costruttivo, oppure ti dico che lavorare online ti rende libero, che ti permette di aiutare altre persone, eccetera. Quello che faccio aiuta altre persone ed è positivo. Questa è una mia credenza…

MA CHI L’HA DETTO?

Io credo che tutto questo sia positivo, ma questo è il MIO sistema di credenze. E molto spesso accade che io con il mio ego e la mia persona, attraverso questo lavoro cerco di trasmettere la mia filosofia, quello che considero vero. Per cui trasmetto la mia personale prospettiva, ma non significa che sia questa la verità. Queste sono le mie verità, basate sul mio sistema di credenze.

Ti posso garantire che tutto quello che dico può essere smentito completamente e può risultare vero l’esatto opposto, semplicemente cambiando sistema di credenze. Renditi conto che io non ho la verità, ho soltanto il mio sistema di credenze, che è ovviamente parziale. Poi magari incontro persone che hanno credenze simili alle mie, ma non è la verità, è tutto estremamente limitato.

Ti faccio questo esempio personale proprio per mettermi in discussione e farti capire che non ci sono verità universali. Ma parlando di verità oggettiva, ovvero le credenze, è tutto parziale. Come il Tao ad esempio, che ci insegna che così come esiste il bene, esiste anche il male e le due verità convivono e formano l’unione, formano la realtà che molto spesso è fatta di estremi. E allo stesso modo anche il mio punto di vista può essere vero per alcuni e falso per altri. Può aiutare alcune persone e può danneggiarne altre.

Dobbiamo iniziare a ragionare in questo modo. Non ci sono verità assolute e ci sono soltanto credenze limitate. Con questo ragionamento vorrei arrivare al punto successivo. Ora che hai capito che non ti puoi fidare di me, perché semplicemente ti trasmetto le mie credenze e il modo in cui vedo io la realtà, proviamo a pensare un po’ più in grande. Pensiamo ai politici, ai media, alle persone che ci governano e che giostrano il mondo intero. Soprattutto in questo periodo delicato. Rendiamoci conto che anche la loro realtà è fatta semplicemente da un sistema di credenze.

E così come io cerco di trasmettere quanto sia bello viaggiare, quanto sia importante fare introspezione, o quanto renda liberi lavorare online, anche loro cercano di trasmettere qualcosa. Ed è importante porci alcune domande.

Quali sono le credenze di questi personaggi? Qual è la loro agenda? Cosa stanno cercando di trasmettere al mondo? Che cosa vogliono far fare all’umanità?

Rendiamoci conto che anche quando guardiamo la televisione e sentiamo parlare queste persone, non possiamo credere a quello che dicono! Perché è soltanto il loro punto di vista, è la loro realtà, ma non è una verità. Prendiamo ad esempio un fatto recente per fare un esempio molto pratico.

La pandemia di Coronavirus

credenze

C’è chi crede che un pipistrello sia scappato da un laboratorio, contagiando la Cina, poi l’Italia e poi tutto il resto del mondo. Ma questa è una credenza. E’ una verità oggettiva e possiamo credere a questo oppure possiamo credere alla storia del laboratorio ad esempio. C’è chi dice che sia stato tutto architettato in laboratorio, che fosse un piano e che tutto sia controllato da determinate persone. Ma anche questa è una credenza, non è detto che sia la verità. Ci sono anche persone che credono non ci sia il virus, ma che sia soltanto la natura che si è risvegliata e si sta ribellando all’essere umano. E’ una credenza. E’ limitata. 

Tutte queste ipotesi sono verità oggettive, sono credenze limitanti. Ci sono persone che sono allineate con questi punti di vista e altre no. Con questo esempio spero possa arrivarti il concetto di fondo. Dobbiamo smettere di identificarci in queste credenze del mondo, ma soprattutto con le credenze che abbiamo dentro di noi, con quello che crediamo di essere. Anche quella è un’illusione, è una verità parziale. Abbiamo deciso di essere così e abbiamo creduto determinate cose.

Dobbiamo stare molto attenti a non illuderci. Vorrei arrivare allo stesso concetto da diverse angolazioni, per cui ti porto un altro esempio, estremamente delicato, che però mi permetto di affrontare perché penso possa aiutare tante persone.

La religione

credere

La connessione con Dio, il credere in Gesù, Dio, Buddha, Allah, o qualsiasi altro Dio di qualsiasi altra religione o cultura. Cosa sono questi? Sono delle verità? Quale religione ha la verità? Cattolici, musulmani, induisti, buddisti, chi ha la verità? 

Sono credenze. Io decido di credere in questo Dio e in questa determinata religione, in questi principi. Oppure non decido niente, mi ritrovo a credere in qualcosa perché ho acquisito il sistema di credenze in cui sono stato inserito andando a catechismo e a messa tutte le domeniche con i genitori. Sono tutte credenze e nel momento in cui una persona cerca di passare ad altri le proprie credenze, sta facendo un danno enorme. Perché la sua stessa verità è limitata, non è assoluta.

In questo video condivido la mia opinione sulle religioni

Vorrei concludere con un ultimo ragionamento

Con tutta questa premessa, che per tante persone sicuramente saranno concetti già conosciuti, mentre  per alcune sono cose nuove e magari metterai in discussione cose così profonde. Perciò ti invito a porti alcune domande:

Quali sono le tue credenze? A cosa stai credendo in questo momento? Sulla base di quali credenze hai costruito le tue credenze? 

Inizia a osservare le tue credenze. E poi passiamo alla domanda successiva, la più importante di tutte. Ora che hai capito che non esiste una verità assoluta, almeno in questo contesto, qual’è la verità? 

Visto che le verità sono tutte parziali, a chi devo credere? Qual’è la verità? Dov’è la soluzione?

La cosa bella è che non c’è una risposta, o meglio, io non ho la risposta. Ho delle credenze, ma la verità devi scoprirla tu. Una volta eliminate le credenze, resta un vuoto e da quel vuoto inizia un viaggio di scoperta che ognuno di noi deve intraprendere.

Qual’è la verità?

Da oggi in poi, il mio invito è di non credere più a niente!

Non aver paura di perderti nel dire “non lo so“. Non so se esiste il Coronavirus e se esiste non so se è nato da un pipistrello. Ascolta tutto, ma non credere a niente. Smettiamo di etichettare ogni cosa. Liberiamoci di queste cose, perché quando ce ne liberiamo entriamo in un’altra dimensione. La verità dobbiamo scoprirla noi, attraverso l’esperienza diretta del nostro cuore, della nostra anima e della nostra consapevolezza. La risposta non arriva dall’esterno. Le credenze di base, sono solo illusioni. 

LE GUIDE:

► (E-book) BUSINESS DIGITALE: Come creare un business Online di Coaching & Consulenza https://gabri.life/ebook/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► THE BRIDGE

Se ti interessa lavorare online e creare la tua libertà, qui puoi trovare più informazioni sul mio training “THE BRIDGE” dove ti seguo passo-passo nel creare un tuo business online di Coaching & Consulenza: https://gabri.life/thebridge/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► CONSULENZA PRIVATA 1-1: https://bit.ly/34JfP55

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

INSTAGRAM ► Seguimi su Instagram per vedere ogni giorno le mie storie: https://www.instagram.com/gabri.way/

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile.

Un abbraccio e a presto,

Gabri