perdere il lavoro

PERDERE IL LAVORO: 5 consigli + bonus

Introduzione: perdere il lavoro e come reinventarti se sei disoccupato

Questo articolo è rivolto in particolar modo a tutte quelle persone che hanno perso il lavoro e sono rimaste disoccupate anche a causa del Coronavirus. La crisi economica che è appena esplosa si trascinerà per i prossimi mesi e per i prossimi anni probabilmente.

Puoi guardare anche il mio video “Perdere il lavoro: 5 consigli per reinventarti se sei disoccupato”

Non mi aspettavo di girare questo video, ma una mattina ho aperto la home page di Facebook e mi è apparso il post di un mio ex collega, che considero molto più di un amico ed è una persona straordinaria. Abbiamo lavorato insieme a Los Angeles, quando lavoravo per Hilton, nel 2010 circa. Lui vive stabilmente a Los Angeles con la sua famiglia. Il suo post mi ha commosso, mi ha toccato nel profondo, perché dopo dieci anni di lavoro per Hilton appunto, scrive “mi hanno licenziato“. È stato lasciato a casa, insieme ad altre 2100 persone, a causa di questo virus.

Quando ho letto questo post è stata una grande sorpresa anche per me, perché ha sempre dato anima e cuore, è sempre stato molto determinato e ha lavorato per dieci anni nello stesso hotel. Ricordo quanto lo ammirassi per la sua costanza e determinazione quando lavoravamo insieme. E da un giorno all’altro lo hanno licenziato senza nessuna possibilità di revisione. Questo mi ha reso davvero molto triste e dispiaciuto, per lui e per la sua famiglia, perché ora dovranno ripartire da zero.

E come lui, ci sono centinaia di milioni di persone, soprattutto in Italia, che in questo momento stanno attraversando una situazione simile.

Per cui ho pensato che anche tu che stai leggendo, potresti aver perso il lavoro, o essere stato messo in cassa integrazione, potrebbero averti tagliato lo stipendio o la tua attività potrebbe aver fallito. Per questo vorrei condividere 5 consigli pratici per supportarti e darti qualche spunto per rialzarti o arricchire in qualche modo la tua vita.

mi hanno licenziato

  • 1) PRENDITI DEL TEMPO

Se hai perso il lavoro, la prima cosa da fare a parer mio, è prenderti del tempo per riflettere sulla tua vita, riflettere profondamente sulla tua carriera e sul tuo percorso fino ad oggi. La persona che sei, le esperienze che hai vissuto, rifletti su tutta la tua vita. Cogli questa occasione per fermarti in questa “sosta obbligatoria” e fare il punto della situazione. Potrebbe essere l’occasione per riprogrammare la tua vita e migliorarla, perciò non fermarti a pensare che andrà tutto male.

Prendila come un pretesto per fare un po’ di riflessione interiore. Credo che questa sia anche la giusta opportunità per sentire questo dolore ed entrare in contatto con le tue emozioni. Siamo sempre di corsa, fra lavoro, ufficio, fabbrica, azienda, siamo sempre impegnati e non abbiamo mai tempo per noi stessi. Non ci prendiamo mai tempo per riflettere e per sentire quello che proviamo, anzi, in questa società siamo abituati a reprimere ciò che sentiamo.

Ci tengo a dirti che non c’è nulla di male se vengono fuori emozioni tristi, è normale essere frustrati, non avere speranza, essere arrabbiati per il virus, per il tuo capo, per la perdita del lavoro. Non c’è niente di male a provare questo tipo di emozioni, sono umane. Vanno semplicemente accettate, perché prima riesci ad accettarle e a viverle, prima riuscirai a liberarti di queste emozioni e andrai avanti nella tua vita con più tranquillità.

Potrai ripartire.

Trova il coraggio di amarti e accettarti per come sei e per quello che provi. È normale sentirti perso, confuso, triste, frustrato e arrabbiato. Prima accetterai queste emozioni, prima potrai evolverti e andare avanti.

  • 2) ASCOLTA IL TUO CUORE

Dopo esserti preso del tempo per te, per la tua vita e la tua famiglia, dopo aver iniziato ad accettare le tue emozioni represse, può essere l’occasione giusta per ascoltare il tuo cuore, i tuoi desideri più profondi. Perché magari fino ad oggi non ne hai mai avuto nemmeno il tempo. Probabilmente sei uscito dalla scuola, ti sei iscritto subito all’università, poi ti hanno assunto immediatamente e non ti sei mai chiesto se fosse realmente quello che volevi.

Potrebbe essere arrivato ora il momento di schiacciare il pulsante reset, il momento in cui stacchi un attimo e inizi ad ascoltare quello che vuoi per il tuo futuro, invece di rimetterti subito in moto per ripartire. Potresti riscoprire delle passioni più profonde, o delle predisposizioni naturali che non sapevi nemmeno di avere. Ascoltati per capire che cosa fare della tua vita da adesso in avanti, inizia ad avere più sensibilità per quello che è il tuo GPS interiore, di quella che senti potrebbe essere la tua strada da seguire.

Vorrei anche precisare che è assolutamente normale non avere le idee chiare, non sapere ascoltare il tuo cuore e non conoscere veramente le tue predisposizioni naturali. Non avere la presunzione di voler ottenere subito tutte le risposte, però è molto probabile che in questo momento dentro di te nascano delle curiosità verso lavori che magari avresti sempre voluto fare.

Prendi in considerazione queste curiosità.

Non è detto che sarà la tua strada per la vita, però potrebbe essere un punto di partenza, inizia a conoscere altri mondi oltre a quello che hai conosciuto fino ad ora. Potresti iniziare a sperimentare, a capire dove inizia a guidarti il tuo intuito e il tuo cuore. È una fase di esplorazione necessaria secondo me.

come trovare il lavoro

  • 3) COME POSSO REINVENTARMI?

Come dicevo prima, questo periodo a parer mio dovresti vederlo come un reset e visto che devi ripartire più o meno da zero, come puoi reinventarti? Se ti poni questa domanda, ti rendi conto che si crea dentro la tua mente tanto spazio. Ti rendi conto che non stai vivendo una situazione piacevole, soprattutto se hai una famiglia, o un affitto da pagare e hai bisogno di una stabilità economica. Però nel momento in cui ti chiedi questo, ti rendi conto che puoi reinventarti in qualsiasi modo possibile e immaginabile.

Ti invito a vederla così. Immagina di essere un ragazzo di diciotto anni, immagina di tornare ai tempi in cui è finita la scuola dell’obbligo, hai davanti a te il mondo intero e puoi diventare ciò che vuoi. Un imprenditore, uno spacciatore, un astronauta o un pasticcere. Chiunque tu voglia essere. Immagina di essere ancora in quella fase in cui hai tutto il mondo a tua disposizione e mi dispiace che molti ragazzi non apprezzino quel periodo incredibile (me compreso).

Tieni sempre a mente che siamo in continua evoluzione e anche il lavoro insieme a noi, si evolve. Ho scritto anche un articolo sul lavoro futuro “2020-2030”, puoi leggerlo cliccando qui.

Immagina di essere un diciottenne.

Hai schiacciato il tasto reset e ora sei circondato da opportunità. E in più, tu hai anche il vantaggio di avere tutte le esperienze e competenze acquisite fino ad ora. Puoi reinventarti in qualsiasi direzione, portando con te tutto il tuo bagaglio di vita. Questo può essere un framework mentale molto utile per porti questa specifica domanda:

Come posso reinventarmi?

Prendi un pezzo di carta, scrivi questa domanda e prenditi qualche minuto al giorno, per un po’ di giorni o mesi, per far fluire spontaneamente tutte le risposte possibili. Facendo questo, creerai spazio per poter seguire il tuo cuore, come dicevo nel punto 2. Emergeranno i tuoi desideri più profondi e idee allineate con chi sei realmente.

  • 4) ESCI FUORI E ACQUISISCI LE COMPETENZE

Ora che ti sei posto la domanda fondamentale, può essere il momento perfetto per uscire nel mondo esterno e acquisire le competenze che ti servono per poterti reinventare e iniziare un nuovo capitolo della tua vita. E la cosa bella, tornando all’esempio del diciottenne, è che una volta capita la direzione da prendere, puoi dedicare un mese, due mesi, sei mesi o qualche anno per sviluppare le competenze che ti servono per entrare in un determinato settore. Puoi prenderti del tempo per reinventare la tua vita e lavorare ad un progetto ben preciso.

Questo non avviene dall’oggi al domani, le competenze vanno acquisite con i tempi giusti, però inizierai a sentire sensazioni positive, non più negative. Ti renderai conto di stare andando in una direzione molto positiva, una nuova rinascita. Per questo è importante definire le competenze principali necessarie da sviluppare per metterti al lavoro.

Non puoi avere fretta. Ti servono le giuste competenze per avviare un progetto e una carriera nuova da zero. È questo che dovresti cercare. Una sensazione interiore di crescita ed evoluzione. Anche se ci vorrà del tempo, è importante sapere che stiamo andando verso una direzione, un obiettivo. Nel frattempo, ovviamente ben venga avere un lavoro cuscinetto per continuare a mantenere una stabilità economica e pagare le spese. Può essere qualsiasi tipo di lavoro, soltanto per avere liquidità, mentre nel frattempo sviluppi le competenze per questa transizione lavorativa che richiederà un po’ di tempo.

Kiyosaki

  • 5) I 4 QUADRANTI

Quest’ultimo consiglio non è utile a tutti, ma penso che possa esserlo per la maggior parte delle persone. Mi ricollego all’esempio del mio amico che ha perso il lavoro a Los Angeles. Quando ero anch’io dipendente di Hilton, ho scoperto una verità molto importante leggendo un libro: “Padre ricco, padre povero”, di Robert T. Kiyosaki. In questo libro spiega la regola dei 4 quadranti e per me era fondamentale capire la distinzione fra dipendente, imprenditore, libero professionista e investitore.

Era importante per me capire come passare dalla parte di chi crea un proprio progetto e prende le redini della propria carriera e del proprio futuro, anziché investire tutte le energie per il progetto di qualcuno che da un giorno all’altro può tagliarti fuori e lasciarti senza lavoro. Anche se per tanti anni magari ti impegni e dai anima e corpo per quel lavoro, non basta per assicurarti il lavoro per sempre.

Grazie a quel libro ho capito che avere un lavoro da dipendente può sembrare la strada più sicura e stabile del mondo, soprattutto secondo le convinzioni con cui è cresciuta la nostra generazione precedente. Ma al giorno d’oggi, secondo la situazione economica, politica, sociale e lavorativa attuale, questa verità non è più fondata. Molto spesso avere un lavoro stabile da dipendente, con contratto indeterminato, può essere la cosa più rischiosa per la nostra carriera. Siamo nelle mani di un’azienda e di un datore di lavoro che per qualsiasi motivo potrebbe lasciarci a casa, o fallire.

Non abbiamo il minimo controllo.

Al contrario, avviare un proprio progetto imprenditoriale, diventare liberi professionisti e diventare i capi di noi stessi è molto più difficile e te lo dico per esperienza personale. Devi mettercela tutta, fare sacrifici ed è un’altalena continua fra alti e bassi, però nel medio-lungo termine, è l’investimento più stabile per la tua vita. Perché durante questo processo, questo periodo di alti e bassi, sarai diventata una persona estremamente competente, resiliente e capace di dare valore al mondo. Sarai in grado di guadagnare ed essere indipendente, sarai una persona diversa, in grado di creare un progetto, un business che ti darà la tua vita ideale.

Nel medio-lungo termine, i risultati possono essere molto più stabili, rispetto all’illusione di avere risultati nel breve termine grazie a un contratto di lavoro da dipendente, che può cessare da un momento all’altro. A quel punto ti ritrovi a doverti reinventare e sei in una situazione in cui hai sviluppato delle competenze ovviamente, ma essendo stato dipendente, magari ti sei adagiato un po’. Avevi un contratto e uno stipendio fisso, mentre ora, o ti impegni e dai il massimo per ottenere qualcosa, oppure muori di fame.

Vengono fuori delle risorse nuove.

E il mio invito con questo quinto consiglio è quello di prendere in considerazione di avviare un tuo business o un tuo progetto, che può essere l’espressione di quello che dice il tuo cuore. Non sarà facile ovviamente, soprattutto all’inizio, ma può essere sicuramente l’investimento più stabile e sicuro di tutta la tua vita. Questo è quello che è successo a me personalmente.

Vorrei concludere con un consiglio bonus, che forse è il più importante di tutti i consigli precedenti, perciò ti consiglio di prestare attenzione. So che entriamo nella sfera spirituale, ma a parer mio è molto, molto importante.

CONSIGLIO BONUS

E’ importante secondo me cambiare la prospettiva e invece di pensare “ho perso il lavoro, chissà cosa succederà”, ti consiglio di adottare questo nuovo modo di vedere il mondo. Stiamo vivendo una grande transizione in questo periodo storico e a mio avviso questo virus non è arrivato per caso. Sta avvenendo letteralmente una transizione da una società vecchia, dettata dall’ego e dalla manipolazione,  verso una società nuova dettata dall’anima, da una consapevolezza superiore, dalla condivisione e da valori molto più sani. E quindi questa crisi è quasi necessaria per distruggere definitivamente questa società malata e creare spazio per far nascere questa nuova società.

Ho fatto un video a riguardo, in cui spiego meglio questo concetto.

Ti consiglio di guardarlo per capire meglio cosa intendo, perché potrebbe sembrare un’idea infondata magari. Sta nascendo una nuova società, al giorno d’oggi stiamo operando come umanità a un livello di consapevolezza davvero basso. Il modo in cui facciamo business, il modo in cui cooperiamo come nazioni, come governi, il modo in cui pensiamo, come distruggiamo la natura.

La transizione verso questa nuova società è importante capire che è anche piena di opportunità che possiamo cogliere per questo nuovo mondo che sta nascendo. Di conseguenza, queste ci possono portare lavoro, ricchezza, abbondanza, soddisfazione per vivere veramente una vita abbondante. Per spiegarti meglio le opportunità a cui mi riferisco, ho fatto un altro video dedicato a questo “10 opportunità che ti possono cambiare la vita”, che puoi iniziare a prendere in considerazione da subito.

Nel nuovo mondo c’è un terreno fertilissimo.

Con questa visione del mondo inizierai a sentire dentro di te un’energia diversa, inizierai a sentire un’espansione, anziché una contrazione e inizierai a muovere quella macchina verso un futuro migliore e verso la realizzazione dei tuoi progetti. Un altro ragionamento che vorrei condividere con te: dopo aver compreso che c’è questa intelligenza divina che sta permettendo questa transizione da una società vecchia a una società nuova, dobbiamo anche riconoscere che questa intelligenza è dentro di noi in qualsiasi momento. Ma la nostra società la ignora continuamente. Siamo intrappolati nel nostro ego e non riusciamo a capire e riconoscere questa intelligenza, ma dobbiamo iniziare a vederla, accettarla ed esprimerla.

Ti invito di nuovo, per questa fase che stai attraversando che è sicuramente difficile, piena di sfide, insicurezze e paure, a iniziare a vedere un futuro positivo e roseo per la tua vita.

Ti consiglio di adottare questa mentalità.

Immagina il futuro, fra venti, trenta o quarant’anni, immagina di essere completamente realizzato, con il lavoro o il business dei tuoi sogni, con la relazione ideale, una bella famiglia, la macchina che desideri e una casa perfetta. E immagina poi di guardarti indietro ad oggi, nel momento in cui sei rimasto senza lavoro, disperato, depresso, disoccupato e confuso.

Quindi ti guardi indietro e dici “Quell’anno, quel 2020 in cui ho perso il lavoro e ho dovuto schiacciare il tasto reset è stato il dono più bello della mia vita. Se non fosse stato per quella disgrazia, per quel licenziamento, non avrei potuto creare quello che ho oggi. Ero fermo e adagiato nella mediocrità e non avrei avuto il coraggio di cambiare. Questo shock mi ha fatto perdere tutto, mi ha fatto toccare il fondo, però mi ha permesso di reinventarmi.

Immagina questo. Non lo dico soltanto per farti sognare un po’ ad occhi aperti, perché se guardi le biografie di persone di successo, scoprirai che questa dinamica è estremamente comune. In tanti hanno avuto questo momento di breakdown in cui magari avevano perso il lavoro, come Steve Jobs ad esempio. Ed è stato grazie a quell’episodio che hanno creato qualcosa di grande.

E se guardo anche la mia vita, nel mio piccolo e nella mia umiltà, è stato così anche per me.

Mentre lavoravo nell’ambito alberghiero con Hilton, mi sono reso conto che non era il lavoro per me, ho trovato il coraggio di licenziarmi, sono caduto in un periodo di profonda depressione ed ero senza soldi. Tutti mi dicevano che ero pazzo a lasciare un lavoro stabile eppure, se mi guardo indietro penso che sia stato proprio grazie a quel momento di difficoltà che sono diventato la persona che sono oggi.

Dopo aver toccato il fondo ho pensato “ora devo resettarmi e reinventarmi”. Grazie a Dio, dopo giorni in cui non riuscivo nemmeno ad alzarmi dal letto, ci sono riuscito, ho pensato di voler fare qualcosa di mio, di avviare un mio progetto con le mie regole. È stato estremamente doloroso e difficile, ma è stato anche il dono più bello della mia vita.

Ti invito quindi a adottare questa visione. Quando hai dei momenti di difficoltà, immaginati la tua versione futura fra venti o trent’anni in cui penserai che quando hai toccato il fondo e non sapevi dove sbattere la testa, hai dato una svolta alla tua vita. Questo è il mio augurio per te. Ti garantisco che se tiri fuori tutte le energie, le forze e le risorse che hai dentro di te e ti connetti con l’energia più grande che ci ha creati, verrai guidato e protetto costantemente.

Ne parlo in questo video in particolare

Ti verrà dato tutto quello di cui hai bisogno per raggiungere i tuoi obiettivi. Però dipende sempre da come orienti la tua mente, se vedi il mondo in positivo o negativo, se vedi la scarsità o le opportunità. Devi stare attento a decidere se abbatterti e diventare una vittima, oppure se rialzarti e iniziare a crearti un futuro che senti di meritare e che esprima davvero il tuo potenziale.

Questo è il mio invito per te e spero che questi consigli ti siano utili in qualche modo per migliorare la tua vita.

LE GUIDE:

► (E-book) BUSINESS DIGITALE: Come creare un business Online di Coaching & Consulenza https://gabri.life/ebook/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► THE BRIDGE

Se ti interessa lavorare online e creare la tua libertà, qui puoi trovare più informazioni sul mio training “THE BRIDGE” dove ti seguo passo-passo nel creare un tuo business online di Coaching & Consulenza: https://gabri.life/thebridge/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

► CONSULENZA PRIVATA 1-1: https://bit.ly/34JfP55

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

INSTAGRAM ► Seguimi su Instagram per vedere ogni giorno le mie storie: https://www.instagram.com/gabri.way/

 

Un abbraccio e a presto,

Gabri