2 lezioni dalle nuvole

Ho filmato questo breve video qui a Koh Samui.

 

Il cielo è pieno di nuvole in movimento, scure e dense.

 

La cosa incredibile è che queste nuvole,  mentre passavano proprio davanti ai miei occhi, si dissolvevano nel nulla.

 

In questo video ne ho seguita una, dall’inizio alla fine.

 

Nei primi secondi del video vedi la nuvola scura e densa, intorno al minuto 1.20 quella stessa nuvola, non esiste più.

 

Dissolta. Completamente.

 

Senza lasciare più neanche una minima traccia di sé.

 

Credo di esser rimasto circa 20 minuti, con la bocca aperta, ad osservare questo fenomeno.

 

Una nuvola dietro l’altra.

 

Dall’oscurità, alla trasparenza.

 

Dal buio, alla luce.

 

 

 

Non era un semplice cielo nuvoloso… ma una vera e propria lezione di vita.

 

La lezione è quella che nel Buddhismo viene chiamata ANITYA.

 

Ovvero… IMPERMANENZA.

 

Queste nuvole mi hanno ricordato che tutto, in questa esistenza, è di passaggio.

 

Nulla è permanente.

 

Pensiamo per un attimo alla nostra vita:

 

Nasciamo, cresciamo e moriamo.

 

 

 

 

Pensiamo ad un fiore: nasce, cresce, muore.

 

Pensiamo agli animali: nascono, crescono, muoiono.

 

Tutti noi sappiamo queste cose. Anche un bambino le sa, sono estremamente banali.

 

Eppure, continuiamo a vivere la nostra vita come se dovessimo vivere per sempre. 

 

Quando in realtà, proprio come quella nuvola del video, molto presto ci dissolveremo nel nulla.

 

Credo che ci sia un’altra grande lezione da questo video, che riguarda le nostre emozioni, soprattutto quelle negative.

 

EMOZIONI NEGATIVE

 

Molti di noi si fanno intrappolare spesso da emozioni negative come la paura, la rabbia, la tristezza.

 

Abbiamo talmente tanta paura di sentire queste emozioni, che facciamo il possibile per evitarle.

 

Ci buttiamo in cibo, alcohol, sigarette, shopping, lavoro, social media, TV, Youtube, relazioni, droghe e così via… pur di evitarle.

 

Ma la nostra strategia di evitamento migliore, è di razionalizzare queste emozioni con la nostra mente. Così da non doverle sentire.

 

La nostra mente detesta sentire le emozioni spiacevoli. E ci fa credere che se mai dovessimo decidere di sentirle, rimarremo per sempre intrappolati in esse.

 

Ma non è così.

 

Questa è semplicemente una storia (falsa) che utilizza la nostra mente per non farci sentire queste emozioni, così da tenerci intrappolati nei nostri pensieri e nelle nostre sofferenze.

 

La realtà dei fatti è che le emozioni umane, sono di passaggio, proprio come queste nuvole.

 

C’è da fare una precisazione importante però.

 

Sono di passaggio SOLO se abbiamo il coraggio di SENTIRLE PIENAMENTE.

 

Senza ignorarle.

 

Se invece le ignoriamo o reprimiamo, ci faranno visita di nuovo in futuro o inizieranno a creare disfunzioni nel nostro corpo e nella nostra psiche.

 

Se invece troviamo il coraggio di entrare a pieno nella nostra paura, rabbia, tristezza o qualsiasi altra emozione negativa… inizieremo a guarirle.

 

Inizialmente queste emozioni si faranno sempre più forti ed intense.

 

Se anziché scappare, continuiamo ad essere presenti e a sentirle a pieno, è probabile che queste emozioni inizieranno a manifestarsi fisicamente.

 

Nel caso della paura o tristezza, è probabile che ci facciano piangere.

 

Nel caso della rabbia, è molto comune sentire una forte energia interiore ed una sensazione incontrollabile di esplosione. Come se un mostro incontrollabile si sprigionasse dentro di noi.

 

Queste reazioni sono assolutamente normali, anzi, sono un ottimo segnale che stiamo gestendo le emozioni nel modo giusto.

 

Anziché scacciarle o reprimerle, le vogliamo accettare a pieno ed invitarle ad emergere, senza giudizio. 

 

Con amore e compassione. Come se fossero emozioni di nostro figlio.

 

Se continuiamo ad essere presenti con queste emozioni, scopriremo che dopo qualche minuto, svaniranno.

 

Con la stessa intensità con cui sono emerse dentro di noi, così ci lasceranno.

 

Così come le nuvole del video. All’inizio puoi vedere che sono scure, buie, dense… proprio come le emozioni negative che ci rifiutiamo di sentire.

 

Andando avanti però, quella densità svanisce sempre di più.

 

Senza rendercene nemmeno conto, quella nuvola oscura non esiste più, dissolvendosi completamente nel nulla.

 

La prossima volta che senti un’emozione “negativa”, ti invito a ricordarti di queste nuvole.

 

Siediti o sdraiati in un luogo tranquillo, ed anziché evitarla, datti il permesso di sentirla a pieno.

 

Invitala ad emergere nel tuo corpo, così che possa essere espressa e liberata.

 

Più impareremo a sentire le nostre emozioni… e più diventeremo come il cielo che contiene le nuvole:

 

Vasto, libero, infinito…

 

Buona giornata,

Gabri

 

*******

 

Se desideri un supporto individuale, sono di nuovo disponibile nel fare Consulenze 1-1: https://www.gabri.life/consulenza/